Solos

30 Luglio 2021

Dal 25 giugno in esclusiva su Amazon Prime

 

Cast stellare per un progetto tv innovativo che ruota intorno all’inclusione: di genere, etnia ed età. Sette episodi, ognuno è un universo a sé, dove tutto ruota attorno all’interiorità dei protagonisti, spesso imprigionati in spazi fisici o mentali.

 

Diversi registi si alternano dietro la macchina da presa: una di questi è Sam Taylor-Johnson, la realizzatrice di Cinquanta Sfumature di Grigio, una britannica anticonvenzionale femminista al punto da prendere il cognome del marito Aaron Taylor-Johnson (Quicksilver nella saga cinematografica degli Avengers), solo per poi associarlo al suo e chiedere al partner di fare lo stesso.

 

Sam Taylor-Johnson dirige la puntata incentrata sulla storia di Peg (Helen Mirren), una donna lanciata in una capsula spaziale in tuta rossa di latex, e quella dedicata a Stuart (Morgan Freeman), un anziano afflitto da demenza che un giovane aiuta (Otto, interpretato da Dan Stevens di Downton Abbey).

 

Non si tratta di Black Mirror o non totalmente, non si tratta neppure di Soulmates, Solos è una serie che si ritaglia il proprio posto e lo fa molto bene.

 

C’è Leah (Anne Hathaway) che è una fisica che cerca di scoprire i segreti del viaggio nel tempo e che fa di tutto per combattere una sua guerra quotidiana, forse eterna, sicuramente impossibile; c’è poi Tom (Anthony Mackie) che si confronta con la propria mortalità in maniera bizzarra: ha bisogno di una copia di sé stesso per poter esserci per sempre per sua moglie e per i suoi figli, oltre la morte, oltre la malattia, oltre tutto.

 

In un altro episodio troviamo Sasha (Uzo Aduba) che non esce ormai da vent’anni perché un terribile virus aveva “un tempo” colpito la terra.

 

Jenny (Constance Wu) deve superare un evento traumatico e spende un lasso di tempo infinito in una sala d’aspetto mentre Nera (Nicole Beharie) attende la nascita del suo primogenito ottenuto con una tecnica futuristica per la fertilità e infine Stuart interpretato dal grande Morgan Freeman, che rimpiange le proprie scelte, seduto di fronte al mare.

 

Ogni episodio entra nelle pieghe di queste persone e in ciascuna di esse chi guarda potrà trovare un po’ di sé, un po’ dei propri dolori e delle proprie paure, un po’ dei propri rimpianti e dei propri pensieri.

 

SOSTIENI WIFTM

ASSOCIATI

Supporta le nostre attività iscrivendoti all’associazione. L’affiliazione è aperta a tutti i professionisti operanti nel mondo del Cinema, della TV e dei Media italiani.

SOSTIENICI

Se vuoi sostenere l’associazione e le sue attività, prosegui per effettuare una donazione libera.

Per sapere di più sull’associazione, contattaci su [email protected]