Future Thinking –
Ci vuole un cucchiaino di futuro?
– di Gloria Puppi

30 Settembre 2022

Quando è in scena, ha lo scopo di evidenziare le caratteristiche di un personaggio o le regole di un mondo: stiamo parlando del cibo nel cinema e nelle serie tv.

 

Se penso ad un bicchiere di latte la mia mente lo collega immediatamente ad Arancia meccanica, la Burrobirra a Harry Potter, la gelatina colorata o il bicchiere di acqua che tremano ad ogni passo, a Jurassic Park, il tortino di carne a Sweeney Todd.

 

Il secondo episodio della saga di Ritorno al Futuro ci propone tra le varietà di cibi a disposizione del 2015, una minuscola Pizza Hut disidratata, che inserita in un Hydrator Black&Decker, la trasforma in pochi secondi in una gustosissima pizza a grandezza naturale.

 

Da notare la cucina, con design futuristico a scomparsa: la frutta scende dal soffitto con comandi vocali, mentre gli utenti sono immersi in un metaverso e mangiano in quel luogo, lontano dalla realtà.

 

Ma nel futuro, che cosa mangeremo davvero?

 

La serie TV Expanse ci anticipa che nello spazio, anche a eoni di distanza da noi, si mangerà cibo disidratato e con pochissimo gusto, quasi come in Matrix 20 anni fa, con la sbobba iper nutriente, ma insapore.

 

In realtà oggi sono presenti nel mondo più di 2000 start up con lo scopo di produrre cibo del futuro, sostenibile, vegano e cruelty free.

 

Come Air Protein, che ha preso ispirazione dagli esperimenti della NASA, e produce carne dal nulla, o più precisamente dall’anidride carbonica, azoto e altri elementi chimici presenti nell’aria, che inseriti in un processo di fermentazione in bioreattori, permette la creazione di vere e proprie bistecche.

 

Stessa cosa per la Vodka Air CO, prodotta solo nello stato di New York, e venduta solo in quella zona per 75 dollari, in quanto raccoglie anidride carbonica emessa dalle fabbriche della contea che viene trasformata in alcool. Una vodka a impatto zero!

 

Ampliando il menù possiamo citare Perfect Day, che produce proteine del siero del latte dai funghi, attraverso un processo di fermentazione e con l’aiuto dell’ingegneria genetica, per creare latte dalle proprietà simili a quello animale, creme, panna, gelati e anche formaggi cremosi.

 

Ma pensate all’impatto sul settore dolciario grazie a Evo Foods, una startup di Mumbai, che è riuscita a estrarre proteine da legumi e trasformarle in un composto liquido con la stessa consistenza di un uovo sbattuto, senza però colesterolo e ricco di micronutrienti come vitamina D, A e B12.

Oppure di Just Egg prodotto da Just for All, che ha solo due ingredienti: fagiolo mungo verde e curcuma e promette di avere la stessa consistenza, gusto e profumo dell’uovo! Ma ovviamente con un dispendio di acqua e un consumo di suolo complessivamente inferiori del 79% rispetto a quanto vengono erosi dalla produzione di uova “tradizionali”.

 

E se vi dicessi che anche il caffè può essere prodotto da coltura cellulare?

 

Questo forse è troppo anche per chi ama la fantascienza…

 

Fonti: Air Protein | AIR Vodka | Perfect Day | JUST Egg

 

Scaricabile gratuitamente: Emerging Long-Term Megatrends 2022

 

heart SOSTIENI WIFTM

ASSOCIATI/RINNOVA

Supporta le nostre attività iscrivendoti o rinnovando l'iscrizione all’associazione. L’affiliazione è aperta a tutte le professioniste e i professionisti operanti nel mondo del Cinema, della TV e dei Media italiani.

SOSTIENICI

Se vuoi sostenere l’associazione e le sue attività, prosegui per effettuare una donazione libera.

Per sapere di più sull’associazione, contattaci su [email protected]