Do Revenge

30 Settembre 2022

Pare sia già un cult fra le teenagers questa dark-comedy appena arrivata su Netflix con le sue protagoniste, Drea, interpretata da Camila Mendes di Riverdale, ed Eleanor, interpretata da Maya Hawke di Stranger Things, che ci ricordano le due “ragazze cattive” di un film che ha davvero segnato gli anni 2000, il Mean Girls, che rese Lindsay Lohan e Rachel McAdams iconiche nei ruoli di Cady Heron e Regina George.

 

Pur con un intreccio differente e ricco di piccoli colpi di scena, Do Revenge è una chiarissima citazione del suo grande predecessore.

 

Il film aggiunge una maturità molto legata all’attualità in modo talvolta parodico e satirico. La lotta al patriarcato e al maschilismo è proposta in chiave ironica: si prendono in giro gli uomini che si proclamano femministi e amanti delle donne, si riflette su come un errore commesso da un uomo sia trascurabile ma imperdonabile se commesso dalla controparte femminile. Insomma, si è di fronte a temi e dinamiche che anni fa non sarebbero forse stati trattati così apertamente e con così tanta “denuncia” seppur celata dietro un sapiente sarcasmo.

 

Jennifer Kaytin Robinson, regista di Someone Great, Love Life, sceneggiatrice di Thor: Love and Thunder e Unpregnant, dirige questo film ambizioso che mescola commedia, dramma e romanticismo in una storia di vendetta adolescenziale che riesce a esplorare in modo approfondito una serie di temi e idee interessanti.

 

Ogni personaggio è allo stesso tempo l’eroe e il cattivo e questo, secondo la regista, è stato il suo modo per dipingere con varie sfumature i colori dell’adolescenza.

 

Drea Torres è un personaggio variegato. Una moderna Regina George senza vestire di rosa il mercoledì, una giovane Blaire Waldorf ma di umili origini. Drea è una adolescente popolare a scuola, ma allo stesso tempo odiata e invidiata. La sua vita appare perfetta e patinata mentre terrorizza le sue compagne di liceo. Ma scopriamo ben presto che non è così. Drea è una ragazza “fai da te”, non è nata da una famiglia benestante e si è costruita questo personaggio tassello dopo tassello. Sogna di andare a Yale ed è disposta a tutto per riuscirci. La vita di Drea viene stravolta da un evento traumatico: il suo fidanzato del liceo pubblica un video privato che ritrae Drea in atteggiamenti sensuali.

 

Eleanor invece, viene derisa ed esclusa a causa di alcuni pettegolezzi riguardo una sua relazione con una ragazza. Nonostante i rapporti sulla politica progressista della Gen-Z, questo film ne mette in scena anche i difetti: l’estrema consapevolezza in materia di sessualità, consenso e mascolinità tossica, ma anche la voglia di rivincita e la presa di coscienza di un futuro incerto che aleggia intorno a questa generazione. Eleanor e Drea si incontrano per caso e scoprono di avere qualcosa in comune: la loro vita è stata rovinata e ora vogliono vendicarsi.

 

La regista ha dichiarato di aver preso l’elemento thriller di un film di Hitchcock e di averlo inserito in un high-school movie. Do Revenge esplora la rabbia femminile come reazione non sempre ben vista da una società che chiede alle ragazze di essere docili e sorridenti. Il tutto è trattato con leggerezza, humor, un po’ di follia e grande attenzione all’estetica anni ’90 e 2000.

 

heart SOSTIENI WIFTM

ASSOCIATI/RINNOVA

Supporta le nostre attività iscrivendoti o rinnovando l'iscrizione all’associazione. L’affiliazione è aperta a tutte le professioniste e i professionisti operanti nel mondo del Cinema, della TV e dei Media italiani.

SOSTIENICI

Se vuoi sostenere l’associazione e le sue attività, prosegui per effettuare una donazione libera.

Per sapere di più sull’associazione, contattaci su [email protected]