Protagoniste:
Barbara Petronio
in libreria con “Neve Rossa”

28 Marzo 2022

Il 7 aprile esce Neve Rossa, il primo libro di Barbara Petronio, che conosciamo da tempo come sceneggiatrice di Romanzo Criminale, Suburra, ACAB e Indivisibili, pellicola per la quale ha vinto il premio David di Donatello per la sceneggiatura. Abbiamo chiesto alla nostra socia di raccontarci come nasce questo cambio di scrittura.

 

 

Come nasce il passaggio dalla scrittura audiovisiva a quella narrativa? 

 

Nasce da una motivazione molto contingente. In realtà da una vera e propria frustrazione.

 

Avevo questa storia in testa da diverso tempo ma per me, come sempre, era un film o una serie.  Avevo provato a sondare diversi produttori per cercare di trarne un film ma le risposte che mi arrivavano erano del tutto deludenti: “Non facciamo thriller, men che mai col paranormale in mezzo”,  “La storia è forte ma il pubblico italiano ama le commedie e vuole essere rassicurato”.

 

Quindi assorbo la (ennesima) delusione e accantono per un po’ il progetto… anche se dentro di me non lo riuscivo ad allontanare per niente! Mi tornava in mente spesso e non potevo capacitarmi che questa storia non trovasse uno sbocco verso il pubblico. Poi incontro una persona, che ora è il mio agente letterario, Simone Marchi, al quale racconto la storia e chiedo se per lui, che sicuramente è più esperto di me, ne potrebbe venir fuori un romanzo. Simone mi dà quell’iniezione di fiducia di cui avevo bisogno e nel giro di poche settimane mi metto al lavoro sul romanzo.

 

Ho un carattere un po’ particolare e quando ho una storia in testa, che secondo me funziona, non riesco a mollarla fino a che non la vedo compiuta in qualche modo, anche a costo di affrontare ambiti che non conosco.

 

 

Quali storie ti ispirano e quali storie ti piace creare?

 

Io amo il racconto di genere in tutto e per tutto.

 

Sono cresciuta a botte di Twin Peaks, Il silenzio degli innocenti, Point Break, Sergio Leone, solo per citare alcuni dei miei capisaldi di formazione.

 

Amo le storie che mi tengano viva l’attenzione, che abbiano la capacità di raccontarmi il genere umano senza sconfinare nell’autobiografismo e nel virtuosismo estetico fine a se stesso.

 

In questo caso in particolare venivo da tre anni di lavoro molto intenso sulla serie Suburra, ero stata a contatto stretto, seppur virtuale, con i criminali di Ostia e volevo raccontare una storia “più intima”, senza crime di mezzo.

 

Mi affascinava narrare le dinamiche di coppia ma non volevo farlo senza una storia “forte” dietro. Volevo un grande conflitto da esplorare e volevo partire dal “non detto”, dal nascosto, dal lato oscuro dei personaggi.

 

Ho lottato un po’ con alcuni pensieri confusi, fino a quando non mi è venuta l’immagine di questa coppia, Dario e Giordana, di una grande e inaspettata nevicata e poi da lì piano piano la loro storia ha preso forma.

 

 

Quali personaggi ti piace raccontare e quali vorresti esplorare?

 

Ovviamente mi affascinano i personaggi irrisolti, con conflitti profondi, quelli che hanno una forte volontà anche se non lo sanno e apparentemente sono passivi.

 

Vedi, io credo che chi ha la capacità di narrare una storia abbia realmente una grande fortuna perché può far vedere cosa è il genere umano, nel bene e nel male.

 

Una storia ci racconta chi siamo ed è tanto più bella quanto più i personaggi non sono quello che sembrano.

D’altro canto ognuno di noi ha il suo lato oscuro, la sua debolezza, il suo “vizio di forma” che poi è la cosa che rende più affascinanti le persone.

 

 

Grazie, Barbara. Non vediamo l’ora di leggerti!

 

 

Per chi sarà a Roma Neve Rossa viene presentato il 5 aprile alle 18 alla galleria Alberto Sordi.

Per conoscere meglio Barbara Petronio, da non perdere l’intervista che abbiamo creato con ITsART per celebrare nel mese di marzo le donne dell’audiovisivo alla maniera WIFTMI: Video-intervista Barbara Petronio

SOSTIENI WIFTM

ASSOCIATI/RINNOVA

Supporta le nostre attività iscrivendoti o rinnovando l'iscrizione all’associazione. L’affiliazione è aperta a tutte le professioniste e i professionisti operanti nel mondo del Cinema, della TV e dei Media italiani.

SOSTIENICI

Se vuoi sostenere l’associazione e le sue attività, prosegui per effettuare una donazione libera.

Per sapere di più sull’associazione, contattaci su [email protected]